Santa Teresa di Riva, Città di mare e antiche torri, è un comune di 9.167 abitanti della provincia di Messina. Nel centro abitato esistono tre torri medievali di un certo interesse storico.
 

 

Centro agricolo, commerciale e turistico specializzato nella produzione di agrumi: limone e verdello limone soprattutto, ma anche di vino, olio d'oliva, ortaggi, mandorle e frutta in genere; risulta presente, seppur ancora limitatamente, il florovivaismo.

Allevamenti di bovini, ovini, caprini e suini. Assente è la presenza industriale. Sussistono piccole aziende artigianali dedite all'edilizia, alla lavorazione di legno e metalli, nonché frantoi dediti alla produzione di olio d'oliva ricavato da oliveti locali. Abbastanza sviluppato il commercio al minuto con circa 300 attività commerciali.

Fin dalla metà dell' '800 è sede di un importante mercato quindicinale, punto di riferimento di tutta la Sicilia orientale con circa 250 bancarelle. Comune pilota del comprensorio storico - turistico - monumentale della Valle d'Agrò che dista da Taormina solo 15 km. È altresì comune capofila dell'Unione dei Comuni delle Valli joniche dei Peloritani e del P.I.T. 13, fa parte del Distretto Turistico Taormina - Etna. Al momento l'economia locale si basa sul terziario, commercio, servizi, turismo balneare. Dal 2002 è gemellato col comune francese di Fuveau.

 

Tratto da:

Wikipedia, l'enciclopedia libera